padre Placido Cortese

Padre Placido Cortese - Archivio MSA

Il 27 gennaio, Giornata della Memoria, tante sono state le iniziative di commemorazione di padre Placido Cortese a cui hanno partecipato anche ragazzi. Ma chi era padre Cortese? è la domanda che fanno tanti ragazzi che vengono in visita alla redazione del Mera, trovandolo raffigurato in un quadro della sala omonima. Era un frate della Basilica del Santo, una persona minuta con occhiali tondi a stanghetta, lo vedete in una foto tratta dall’Archivio del Messaggero di sant’Antonio. Un uomo minuto ma dal cuore grande e con tantissimo coraggio.

Padre Placido, di cui è in corso la causa di canonizzazione, è stato un eroe che ha salvato molte vite. Il frate nato nell’isola di Cherso (in Istria) durante la seconda guerra mondiale era direttore del Messaggero di sant’Antonio. In quegli anni salvò centinaia di perseguitati dal nazismo attraverso una Catena di salvezza composta da uomini e donne coraggiosissime come le indimenticabili sorelle Martini di Padova. Padre Cortese venne per questo rapito, torturato e ucciso nel 1944 dalle Gestapo a Trieste, senza aver rivelato i nomi dei componenti della Catena di salvezza.

Ebbe il coraggio del silenzio. (L.P.)