Quanto brucia perdere?

© GiZGRAPHICS-Fotolia

© GiZGRAPHICS-Fotolia

Arrivare secondi quando il premio va solo al primo è dura, arrivare quarti quando le medaglie sono 3 anche.
Sia chiaro: qualcuno, quarto, ci deve per forza arrivare se la matematica non è un opinione (e se i contendenti sono più di 3!). Quindi niente drammi.
E però c’è modo e modo di prenderla. Daniela Merighetti, alle Olimpiadi invernali di Sochi in Russia, è arrivata quarta per 17 centesimi di secondo nella discesa libera femminile. Ma senza recriminazioni o scuse addossate all’arbitro o a qualsiasi altro capro espiatorio.
«Ho dato tutto dall’inizio alla fine – ammette lei a fine gara -. Ho perso un po’ di tempo in fondo alla parte finale: peccato. Sono arrivata quarta in una Olimpiade e questa sarà l’ultima alla quale parteciperò. A volte perdi per 6-7 decimi, a volte per centesimi. Oggi mi sono toccati i centesimi…».

Si può anche perdere, ma è lo stile personale con cui si accetta tanto la vittoria come la sconfitta a fare la differenza.

E tu, hai mai subito una sconfitta cocente? Come hai reagito?

  11 commenti per “Quanto brucia perdere?

  1. enery
    7 marzo 2014 alle 14:16

    io non me la prendo ma se faccio una cosa la faccio per vincere secondo perdere poi puo essere uno stimolo per fare meglio

  2. martuzzina01
    4 marzo 2014 alle 13:15

    tengo alla vittoria nelle cose che mi interessano , nelle cose a cui nn tengo molto è uguale, quindi anche se perdo fa niente. tengo molto alla vittoria individuale, se riesco a fare un record che nn pensavo fosse raggiungibile per me. :roll: :!: :!:

  3. ale12
    23 febbraio 2014 alle 18:28

    La vittoria è importante perchè ti da soddisfazioni e la sconfitta ti aiuta a pensare alla vittoria quindi le due cose sono sempre collegate!!

  4. Lorelay
    21 febbraio 2014 alle 20:20

    :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: soprattutto quando ti sei impegnato e non ce la fai
    :?

  5. luscinia
    19 febbraio 2014 alle 14:50

    Non c’è maestra migliore della sconfitta! E’ l’unica che insegna a rialzarsi e ad averne sempre la forza :)

  6. marietta
    18 febbraio 2014 alle 17:42

    secondo me non basta vincere in una gara… bisogna accettare il prossimo che vince.Comunque l’importante è divertirsi con il partecipante vicino :D :D :D :D :D 8) 8) :P :P :P

  7. bea
    18 febbraio 2014 alle 17:26

    A me, in certi casi brucia molto perdere… Non mi arrabbio con gli altri, ma con me stessa, perchè penso che anche se ho dato il meglio di me, dovevo fare di più. Non me la prendo se perdo contro bimbi piccoli o persone molto più grandi di me. Nel torneo scolastico di pallavolo, con ragazzi della mia età, però siamo arrivati secondi anche se eravamo i più forti… quella sconfitta mi ha dato molto fastidio, però è stato il motivo che ci ha incentivato ad impegnarci di più!

  8. saradog10
    18 febbraio 2014 alle 14:14

    Nn importa se uno perde o vince, basta divertirsi e nn prendersela!!! ( ma anke impegnarsi ) !!!!!!!!!!!!! :wink: :wink: :wink: :wink: :wink:

  9. iphone
    17 febbraio 2014 alle 18:22

    Anche io penso che perdere non sia tanto importante,perchè succede sempre,e la vita,non può essere senza la sconfitta….comunque,bisogna sempre accetare la sconfitta!!! :mrgreen: :wink:

  10. Chiara2000
    17 febbraio 2014 alle 17:07

    come dice il detto “la sconfitta è l’altra faccia della vittoria”!!! :wink: è normale k dispiaccia avere perso, ma è una cosa k succede…

  11. Pippi
    17 febbraio 2014 alle 16:06

    Secondo me,perdere non è un problema,perchè bisogna sempre accettare la sconfitta!! :D

Lascia un Commento