Compagni scansafatiche

Caro Fra Simplicio, ti scrivo per chiederti un consiglio.L’anno scorso a scuola,dopo le prime settimane che sono servite a conoscersi ho notato (specialmente negli ultimi mesi) che i miei compagni mi “sfruttavano” nel senso che approfittavano del fatto che io studio,ho dei bei voti,sono precisa, per chiedermi suggerimenti, spiegazioni,appunti,compiti,materiale scolastico…io aiuto volentieri le persone ma mi da fastidio quando più volte i compagni scherzano,disegnano…durante la lezione e poi mi chiedono gli appunti o quando presto gli oggetti e poi vedo che ce l’hanno anche loro o anche quando mi chiedono ripetutamente di farli copiare i compiti. Come posso evitare che questo problema si ripeta in quest’anno scolastico che ormai sta per iniziare? Spero di aver scritto in modo comprensibile, grazie di tutto!

Lilla, 15 anni

Carissima Lilla, sai cosa ci chiede Gesù nel Vangelo? Di amare il nostro prossimo COME noi stessi. Questo vuol dire che noi dobbiamo aiutare gli altri ma NON mancando di rispetto a noi stessi. Ed è quello che i tuoi compagni stanno facendo con te. Quindi il modo che hai per far sì che questo non succeda è dire di no! Magari motivando anche il tuo no… ma nessuno potrà far questo se non tu. Sperare che non chiedano. .. è un po’ difficile non credi? Mettiti in ascolto del tuo cuore. Sono certa che saprai capire a chi e quando puoi dire di sì. In bocca al lupo

Fra Simplicio

  4 commenti per “Compagni scansafatiche

Lascia un commento