La propria strada

Caro Fra Simplicio, ti scrivo perché ultimamente ho alcuni dubbi e mi piacerebbe che tu potessi aiutarmi a chiarirli… sono una ragazza normale, ho tanti amici, faccio la prima superiore e frequento una scuola che mi piace e studio delle materie bellissime (psicologia, pedagogia.. tutte materie che riguardano l’uomo:). Sono brava a scuola però spesso mi chiedo se tutto questo mio impegno e studio un giorno servirà… un giorno spero tanto di fare un lavoro che mi piaccia, che mi permetta di aiutare gli altri ma specialmente in questi ultimi tempi in cui si parla molto di crisi economica mi chiedo: tutto questo servirà a qualcosa? la strada che sto percorrendo è quella giusta? come si fa a capire la propria vocazione? Grazie in anticipo:)

Erica, 14 anni

Cara Erica, sono più che sicuro che tutto questo servirà! Guai a lasciarsi andare al pessimismo! Il Papa Francesco ha detto ai giovani di non lasciarsi rubare la speranza!! Quindi vai avanti con fiducia perché tutto quello che stai facendo contribuisce a costruire il tuo futuro. La propria vocazione come si fa a scoprirla? Vivendo bene il proprio presente e mantenendo il cuore aperto all’ascolto e alla preghiera. Io sono certo che Dio parla nella quotidianità e più si cerca di dialogare con Lui come con un amico, più si è in grado di capire cosa vuole da noi. Lo si incontra anche nelle persone, negli amici, in chi ci sta intorno… Davvero mantenere un cuore aperto e attento è la strada privilegiata per conoscersi di più. Un forte abbraccio e… proseguiamo insieme!

fra Simplicio

  1 commento per “La propria strada

Lascia un commento