L’ascolto gentile

Borgna_coverIn L’ascolto gentile. Racconti clinici, edito da Einaudi, Eugenio Borgna racconta storie di pazienti seguite nei suoi tanti anni di lavoro come psichiatra all’Ospedale psichiatrico di Novara, dove rimase a lavorare fino al 1978, quando la riforma di Franco Basaglia ne deliberò la chiusura. Il libro è un vero capolavoro, uno splendido cammeo come Le libere donne di Magliano del miglior Mario Tobino, anche lui psichiatra e scrittore. L’ascolto gentile è un libro per tutti, quindi anche per genitori, insegnanti, educatori, perché tratta sempre in fondo il tema dell’ascolto e del dialogo che consente di superare il fosso tra chi cura e chi è curato (ma non solo). Nonostante l’asprezza dei temi (la depressione, il suicidio, il manicomio) le pagine di Eugenio Borgna sono intrise di speranza. Sono sincere perché in esse confluisce la passione di un medico che ha fatto della sfida di curare la missione della sua vita. Sono gentili perché vi si avverte tutta la capacità di ascolto, l’esperienza del terapeuta, l’intelligenza dell’uomo. Sono pagine che indagano il significato della sofferenza spingendosi fin sul limite dell’abisso, che sfiorano «l’insondabile mistero del vivere e del morire». (L.P.)

Lascia un Commento