Ricominciare

Ciao! Mi sento un po’ stupida perché a 15-16 anni non ho molti amici, quindi volevo chiederti un consiglio.Sono sempre stata una persona timida e riservata e non lego molto con le mie compagne di classe…La mia classe è composta da quasi 30 ragazze e pochi maschi. Dovrebbe essere facile fare amicizia, ma non lo è! Sono in seconda liceo e l’anno scorso è stato un disastro… Qualche giorno fa sono scoppiata a piangere nel bagno della scuola perché mi sono resa conto di non avere davvero amici veri. Non sono più riuscita a trattenermi e alcune mie compagne i classe sono venute da me a parlarmi e a confortarmi. Voglio parlare con tutte loro ma non trovo nessun argomento del quale vale la pena parlare e tendo ad isolarmi, è diventato un grande problema perché mi sento un peso… Ho persino rinunciato alla gita scolastica perché con loro non mi trovavo bene! A casa sono tutta un’altra persona: parlo SEMPRE e dico sempre stupidaggini! Mi piacerebbe far vedere agli altri questo lato di me senza che mi prendano in giro (lo so, sembra una cosa da bambini delle elementari). Ho ancora 4 anni di scuola e non voglio buttarmi giù proprio adesso! Ti prego, consigliami come legare più con loro e come parlare anche con i ragazzi, mi sento davvero un pesce fuor d’acqua! Un abbraccio, 

Gio, 16 anni

Cara Giò, non sei né stupida né infantile. Sei semplicemente spaventata da… te stessa! O meglio, dalla paura che hai immaginando quello che le tue compagne o i tuoi compagni possono pensare di te. Beh, mi sembra che non ce ne sia motivo… perché se davvero fosse così non sarebbero venute in bagno a consolarti, ma ti avrebbero lasciata da sola ad affogare nelle lacrime!!! Forse non dovresti concentrarti su “tutte” le tue compagne, ma semplicemente su una alla volta… e poi perché devi necessariamente trovare un argomento??? A volte basta anche solo dire come ci si sente pensando ad una verifica, ai compiti, alle difficoltà o anche alle cose belle che succedono in classe. Secondo me dovresti dimenticare tutte le cose in più che ti passano per la mente ed essere semplicemente te stessa. Essere timidi e riservati non è una malattia, l’ho detto tante volte. Anzi, può essere una dote molto apprezzata perché chi impara a conoscerti sa che può fidarsi di te perché non spettegoli in giro. E anche saper ascoltare è una gran bella qualità che non tutti hanno. Quindi comincia a guardarti con occhi diversi, tu per prima, e a proporti senza barare e senza farti troppe domande. Quello che tiene lontane le tue compagne è proprio questa corazza che ti sei creata e che ora ti sta solo pesando. Alleggerisciti e sorridi!!!! Un mega abbraccio

Fra Simplicio

p.s. fammi sapere come va, eh??

Lascia un commento