Veri amici?

Caro Fra Simplicio, sto passando un periodo veramente brutto, per moltissimi motivi, tra cui il fatto che ultimamente, quelli che consideravo “miei amici” se ne stanno un po’ fregando di me, cioè mi rispondono male, a volte non lo fanno neanche, cercano di evitarmi e cose del genere. Però essendo molto bravo a scuola, quando sono in difficoltà, non hanno fatto i compiti e cose varie mi chiedono sempre di aiutarli o di fargli copiare i compiti. All’inizio non avevo problemi, ma poi mi sono accorto che quando avevano finito non mi ringraziavano neanche e tornavano a fregarsene di me. Così mi sono sentito “sfruttato” e ogni volta che qualcuno mi chiedeva i compiti glielo negavo e gli dicevo che non era giusto che io tenessi un comportamento così corretto con loro (non solo per il fatto di aiutarli) e loro non ricambiassero. Così per un po’ di giorni tutto è sembrato filare liscio, finchè ho scoperto che durante la ricreazione, mentre io ero fuori, alcuni miei compagni andavano in classe e si prendevano i miei libri per copiare senza chiedermi/dirmi niente. Sono molto arrabbiato ma soprattutto mi sento offeso e, come ho detto prima, sfruttato! Che poi non capisco come mai abbiano cambiato atteggiamento nei miei confronti… Come devo comportarmi?

Alessio, 14 anni

Ciao Alessio, grazie per avermi scritto. Fa male sentirsi sfruttati e, permettimi il termine, calpestati nella propria dignità. Istintivamente mi verrebbe da dire che questo comportamento dei tuoi compagni può derivare dalla gelosia, per la tua bravura a scuola… Non riesco ad immaginare un altro motivo per cui loro hanno cambiato atteggiamento, perché non ti conosco. Ma esiste un modo “scomodo ma efficace” per saperlo: se tra questi ragazzi ce n’è almeno uno con il quale ti senti più a tuo agio e sei più amico, prova a parlargli e a chiedere a lui se ti aiuta a capire. Non è detto che la cosa si risolva, ma sicuramente il fatto di parlare può portare a qualche chiarimento in più. Sarebbe brutto portarsi a spasso lo zaino a ricreazione, ma… visto che te ne sei accorto, potresti sempre fare una bella “improvvisata” proprio mentre loro copiano!! Per le amicizie “vere”, forse conviene uscire dai banchi di scuola, almeno in questo momento. Prova a frequentare anche altre persone, magari in altri ambienti come lo sport, la parrocchia o altro, senza fissarti troppo su di loro. Può anche essere un periodo che passerà… Un piccolo suggerimento? Non fare mai la parte della vittima, cioè dire.”Io con voi sono bravo, e voi invece…”, perché questo li allontana ancora di più. Sii corretto ma fermo sulle tue posizioni, perché nessuno ha il diritto di calpestare gli altri. In bocca al lupo e fammi sapere.

fra Simplicio

  6 commenti per “Veri amici?

Lascia un commento