Meglio soli o accompagnati?

 meraweb11-17nero

 

In questi giorni è un gran parlare e discutere tra politici, psicologi, professori e genitori se lasciar andare a scuola i ragazzi e le ragazze autonomamente o piuttosto accompagnarli sia all’andata che al ritorno. Certamente le intenzioni sono buone: proteggere i giovanissimo studenti dai pericoli, a cominciare dal traffico assai sostenuto delle nostre strade (a differenza di quando io andavo alle elementari, e l’unico, a parte gli amichetti con cui ci si ritrovava strada facendo, che mi accompagnava, incolume, sino alla porta della scuola era il mio gatto; vi giuro, è vero!). Il tutto prende le mosse da una sentenza della corte di Cassazione, che ha stabilito che il coinvolgimento di un minore in un incidente fuori dal perimetro scolastico non esclude la responsabilità della scuola (sentenza n. 21593 del 23 maggio 2017). Nel caso specifico, un bambino di 11 anni era stato investito dall’autobus di linea sulla strada pubblica all’uscita di scuola. La Cassazione ha affermato che l’obbligo di vigilanza in capo all’amministrazione scolastica, discendeva da una precisa disposizione del Regolamento d’istituto, ma il ministero dell’istruzione precisa che la responsabilità della scuola sussiste non solo se il Regolamento di istituto impone al personale scolastico compiti di vigilanza: «in realtà – si legge in una nota del ministero di Viale Trastevere – la responsabilità della scuola si ricollega più in generale al fatto stesso dell’affidamento del minore alla vigilanza della scuola. La Cassazione civile ha infatti più volte affermato il principio secondo cui l’istituto scolastico ha il dovere di provvedere alla sorveglianza delle allieve e degli allievi minorenni per tutto il tempo in cui le sono affidati e quindi fino al momento del subentro, almeno potenziale, della vigilanza dei genitori o di chi per loro. Le finalità di questo obbligo di vigilanza «sono duplici: impedire che il minore compia atti illeciti e salvaguardarne l’incolumità». Ecco, giusto per farvene un’idea.

Ma voi, ragazze ragazzi, che cosa ne pensate? Preferireste andare a scuola accompagnati o da soli? E perché? Fatecelo sapere!

fra Simplicio

1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Matrioska
Matrioska
3 anni fa

Io vado a scuola da sola,perchè l’istituto che frequento mi permette di raggiungerlo facilmente con la mia bicicletta,ma soprettutto perchè i miei genitori pensano che io sia abbastanza responsabile da potermi muovere dal mio paese in bici senza accompagnatori.M i fa piacere che si fidino di me,ma intanto non li condivido a pieno perchè mi piacerebbe molto andare a scuola insieme a loro.Questo mi farebbe sentire più protetta,primo perchè adoro stare in compagnia dei miei genitori ed il fatto di farmi accompagnare me li farebbe sentire ancora più vicini anche a scuola,dove sono spesso insicura;secondo perchè davanti al mio liceo non c’è quasi nessun controllo!i vigili si parano davanti alle elementari e non si accorgono che spesso sono proprio i genitori che rischiano di causare gli incidenti più gravi,visto che si ostinano a voler lasciare i figli mezzo metro davanti alla scuola,col pericolo di prendere dentro qualche studente fuori ad aspettare.A me è capitato giusto stamani di essere chiusa all’angolo da una madre che doveva scaricare il figlio proprio davanti al cancello della scuola.Questa cosa mi innervosisce molto,perchè io ho rischiato di cadere dalla bici,ma soprattutto perchè scommetto che se al mio posto ci fosse stato suo figlio lei non si sarebbe permessa di avvicinarsi così tanto al marciapiede,per terrore di farli male.Insomma,per quanto mi riguarda,se i genitori fossero più civilizzati,ci fossero più controlli ed i vigili mettessero qualche multa in più non ci sarebbero così tanti incidenti e le persone che,contrariamente a me,vogliono andare a scuola da sole potrebbero farlo liberamente.E’tutta una questione di coscienza!in risposta alla vostra domanda però,preferirei 1000 volte venire accompagnata! :D