Quel ragazzo di Tienanmen

Sono passati 25 anni: nessuno di voi può ricordarselo quindi, ma forse ne avete sentito parlare, in tv o a scuola.
Date un occhio al video. Ci troverete una scena strana, simbolica certo, ma vera. E’ avvenuta a Pechino, nella sua piazza principale, piazza Tienanmen, appunto 25 anni fa, nella primavera del 1989.

I carrarmati dell’esercito stanno andando a far sgombrare i manifestanti, soprattutto giovani, che protestano contro il regime cinese.
Un ragazzo, solo, disarmato, con le buste della spesa in mano, si para davanti ai carri. E senza paura di essere schiacciato, li blocca.
Queste immagini fecero il giro del mondo: divennero famosissime, ma il coraggioso dimostrante non è mai stato identificato.
Rimane il simbolo di quella protesta per la libertà e la democrazia, che proprio a inizio giugno venne repressa nel sangue.
Non è mai stato accertato il numero dei morti, alcune fonti parlano di centinaia di vittime, altre di migliaia.
Il ragazzo di Tienanmen ci insegna che per ciò in cui si crede si può anche metter in gioco molto, se non tutto di sè. Se siamo ancora qui a parlare con ammirazione del suo coraggio, significa una volta in più che la non violenza, alla fine, vince.

  8 commenti per “Quel ragazzo di Tienanmen

Lascia un commento